Mediexplorer

Cuore.net

Cuore

Antagonisti dell’aldosterone, nessun beneficio nei pazienti con infarto miocardico acuto senza insufficienza cardiaca


L'aggiunta di antagonisti dei recettori mineralcortoidi ( MRA ) alla terapia standard non offre alcun beneficio nei pazienti con infarto miocardico acuto ( MI ) senza insufficienza cardiaca, secondo lo studio ALBATROSS ( Aldosterone Lethal effects Blockade in Acute myocardial infarction Treated with or without Reperfusion to improve Outcome and Survival at Six months follow-up ).

I risultati di ALBATROSS, che è il più grande studio di questo tipo, non giustificano l'estensione del blocco dell’aldosterone tra i pazienti con infarto miocardico senza insufficienza cardiaca.

Noti anche come bloccanti dell'aldosterone, gli antagonisti del recettore dei mineralcorticoidi inibiscono la ritenzione di sodio e l'escrezione di potassio e magnesio.

Studi precedenti hanno dimostrato che gli antagonisti del recettore dei mineralcorticoidi riducono la mortalità nei pazienti con infarto miocardico con insufficienza cardiaca congestizia, ma poco si sa riguardo a questo trattamento, in assenza di insufficienza cardiaca.

L'obiettivo di ALBATROSS è stato quello di studiare gli effetti della terapia prolungata con antagonisti del recettore dei mineralcorticoidi, iniziata precocemente dopo l'insorgenza di infarto miocardico in una popolazione di pazienti che comprendeva il 92% di soggetti senza insufficienza cardiaca.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale alla sola terapia standard ( n = 801 ) o all'aggiunta di antagonisti dell’aldosterone ( n=802 ), che consisteva di una somministrazione per via endovenosa di Canrenoato di potassio al dosaggio di 200 mg, seguito da una dose iniziale di 25 mg di Spironolattone orale, poi assunta quotidianamente per 6 mesi .
Alcuni pazienti sono stati randomizzati in ambulanza in modo da assicurare un trattamento molto precoce.

La terapia standard comprendeva: somministrazione di farmaci in ospedale, angiografia coronarica, intervento coronarico percutaneo ( PCI ) e bypass coronarico.

L'endpoint primario era la morte, la morte cardiaca resuscitata, la fibrillazione ventricolare o la tachicardia ventricolare, l’indicazione per il defibrillatore impiantabile, e l’insufficienza cardiaca.

Il follow-up di 118 giorni ha mostrato un tasso di outcome primario del 11.8% nel gruppo antagonisti dell'aldosterone e del 12.2% nel gruppo di controllo ( hazard ratio, HR = 0.97; P = 0.81 ).

E’ stato anche osservato che l’impiego precoce dei bloccanti l’aldosterone era in grado di ridurre la mortalità nei pazienti con infarto con sopraslivellamento ST ( STEMI ) ( n=1.229; HR=0.20; 95% CI 0.06-0.70 ).

I ricercatori raccomandano cautela nell'interpretare questi risultati, anche se un potenziale beneficio è plausibile in questo gruppo di pazienti. ( Xagena2015 )

Fonte: ESC Congress 2015

Cardio2015 Farma2015


Indietro