CardioPreventariab.it
ACC Meeting
American Heart Association
Associazione Silvia Procopio

Il caffè associato a rischio di infarto miocardico nei giovani adulti con ipertensione lieve


In uno studio che ha coinvolto persone di età compresa tra 18 e 45 anni con ipertensione di stadio 1 non-trattata, i bevitori moderati di caffè che bevevano da uno a tre caffè espresso al giorno avevano una probabilità tre volte maggiore di avere un evento cardiovascolare ( per lo più un infarto miocardico ) entro un decennio rispetto a quelli che non assumevano il caffè.
Inoltre, i bevitori pesanti di caffè che bevevavno quattro o più caffè espresso al giorno hanno presnetato una probabilità quattro volte maggiore di avere un evento cardiovascolare rispetto agli astemi al caffè.

Questi sono i risultati dello studio HARVEST ( Hypertension and Ambulatory Recording Venetia Study ).

L’aumentato consumo di caffè è stato inoltre correlato a una maggiore probabilità di sviluppare ipertensione con necessità di un trattamento o lo sviluppo di prediabete.

In Italia, la gente beve caffè espresso, e il consumo di caffè americano non è usuale. Un espresso contiene circa 60 o 70 mg di Caffeina in un piccola tazza ( 30 ml ); in una tazza ( 237 ml ) di caffè americano si ha il doppio della Caffeina di un espresso.

Gli effetti cardiovascolari e metabolici a lungo termine del consumo di caffè nei pazienti con ipertensione rimangono controversi.

Ricercatori italiani dell’Ospedale di San Daniele del Friuli ( Udine, Italia ) hanno analizzato i dati provenienti da 1202 partecipanti allo studio HARVEST che soffrivano, al basale, di ipertensione allo stadio 1 ( 140-159 / 90-99 mmHg ), non-trattata.
I pazienti avevano la pressione sanguigna controllata regolarmente e sono stati seguiti fino a quando hanno sviluppato ipertensione che ha giustificato il trattamento.

Circa tre quarti dei pazienti ( 73% ) erano uomini. Al basale, avevano una pressione sanguigna media di 145/94 mmHg.
Più della metà dei pazienti erano bevitori moderati di caffè ( n=767, 63.8% ), e il resto erano astemi al caffè ( n=316, 26.3% ) o bevitori pesanti di caffè ( n=119, 9.9% ).

I bevitori di caffè erano un poco più anziani e avevano un più alto indice di massa corporea ( BMI ) rispetto agli altri partecipanti allo studio.
I bevitori moderati di caffè, i bevitori pesanti di caffè e coloro che non consumavano caffé avevano un'età media, rispettivamente, di 33.5, 36.5 e 30.5 anni, e avevano un indice BMI medio, rispettivamente, di 25.7, 26.1, e 24.6 kg/m2.

Durante un follow-up medio di 12.5 anni, ci sono stati 60 eventi cardiovascolari, soprattutto infarti del miocardio ( 80% ), ma anche ictus, malattia arteriosa periferica, e insufficienza renale.

Rispetto ai partecipanti che non bevevano caffè, i bevitori pesanti di caffè avevano un rischio significativamente più elevato di sviluppare ipertensione richiedente trattamento ( hazard ratio, HR=1.5; p=0.004 ).
Avevano anche un rischio significativamente più alto di prediabete ( HR=2.0; p = 0.0017 ).
Tra i moderati bevitori di caffè è stato osservato un trend non-significativo di un aumentato rischio di ipertensione e prediabete.

Tra i bevitori pesanti di caffè, solo i metabolizzatori lenti della Caffeina hanno presentato un aumento del rischio di prediabete ( HR=2.78; p=0.0076 ).

I bevitori di caffè moderati e pesanti avevano una probabilità tre e quattro volte maggiore di andare incontro a un evento cardiovascolare, ma questo rischio è risultato inferiore quando il modello è stato aggiustato.

Secondo gli Autori l'effetto del caffè sugli eventi cardiovascolari sembra essere almeno in parte mediato da suoi effetti a lungo termine sulla pressione sanguigna e sulla glicemia. ( Xagena2015 )

Fonte: European Society of Cardiology ( ESC ) Congress, 2015

Cardio2015 Endo2015



Indietro